Iniziativa occupazione giovanile-YEI: Bruxelles anticipa fondi Ue per under 29

La Commissione Europea concede finanziamenti a favore dell'occupazione giovanileIn Italia a disposizione del PON YEI oltre 1,5 miliardi di euro.
La Commissione europea propone di anticipare al 2015 la concessione di un miliardo di euro a valere sull’Iniziativa per l’occupazione giovanile per aiutare 650 mila giovani a trovare lavoro.

Nel 2013 il Consiglio europeo ha adottato la proposta della Commissione relativa alla Garanzia Giovani, che tutti gli Stati membri stanno attuando con dei piani nazionali per migliorare le opportunità di formazione e occupazione degli under 29. Le risorse provengono prevalentemente dal Fondo sociale europeo, ma negli Stati membri che presentano regioni in cui ladisoccupazione giovanile supera il 25% è prevista anche una Iniziativa per l’occupazione giovanile (YEI), con una dotazione complessiva di 3,2 miliardi di euro.

La misura riguarda anche l’Italia, che ha previsto un Programma operativo nazionale con una dotazione di un miliardo e 513 milioni di euro, di cui:

  • 567 milioni di euro a valere sulla YEI,
  • 567 milioni di euro a valere sul FSE,
  • 379 milioni di euro a titolo di cofinanziamento nazionale.

Le risorse possono essere utilizzate per finanziare tirocini formativi, iniziative di istruzione e formazione permanente, l’avvio di imprese da parte di giovani imprenditori, programmi per coloro che hanno abbandonato precocemente la scuola e incentivi per le assunzioni.

La proposta della Commissione Ue

Per accelerare l’attuazione della Garanzia Giovani la Commissione europea ha ora proposto di aumentare il tasso di prefinanziamento dei Programmi a valere sui fondi dell’Iniziativa per l’occupazione giovanile per il 2015, portandolo dall’1-1,5% fino al 30%, per un totale di circa un miliardo di euro.

“Anticiperemo circa un miliardo di euro per sostenere l’opera degli Stati membri volta ad aiutare i giovani a rientrare nel mondo del lavoro o nel sistema di istruzione o ad ottenere un apprendistato”, ha spiegato il vicepresidente della Commissione europea e commissario responsabile per l’euro e il dialogo sociale Valdis Dombrovskis.

Secondo l’Esecutivo Ue, infatti, tramite questo prefinanziamento accelerato sarà possibile assicurare un sostegno a una platea compresa tra 350mila e 650mila giovani già quest’anno, rispetto ai circa 20mila destinatari prevedibili con l’attuale tasso di prefinanziamento.

Prima di entrare in vigore, la proposta legislativa dovrà essere approvata dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

Fonte: FASI