Blockchain, intelligenza artificiale (IA) e Internet of Things (IoT): da settembre via agli incentivi

Condividi questa notizia:

A partire dal 21 settembre 2022 imprese e centri di ricerca privati o pubblici potranno presentare domanda per accedere ai finanziamenti del Fondo per lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni d’intelligenza artificiale, blockchain e Internet of Things, istituito dalla Legge di Bilancio 2019 (art. 1, comma 226); la dotazione complessiva è di 45 milioni di euro.

Se sei interessato e vuoi accedere all’incentivo compila il modulo di contatto in fondo alla pagina, ti aiuteremo e daremo maggiori informazioni. 

Indice dei contenuti

Chi può accedere all’agevolazione

Possono accedere alle agevolazioni i centri di ricerca con personalità giuridica e le imprese di qualsiasi dimensione (quindi anche le PMI), costituite in forma di società e che esercitino attività:

Le grandi imprese possono partecipare solo nel caso in cui collaborino con PMI beneficiarie.

È possibile presentare progetti in forma congiunta, a patto che non si superi il limite di 5 partecipanti per ciascun progetto.

Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo alla spesa, come stabilito dagli articoli 25 e 29 del Regolamento generale di esenzione per categoria (GBER).

Requisiti

Come riportato nel decreto direttoriale 24 giugno 2022, emanato dal Ministero dello sviluppo economico (MISE), alla data di presentazione della domanda le aziende devono possedere i seguenti requisiti:

artificial intelligence

Progetti finanziabili

I progetti ammissibili prevedono:

I settori strategici prioritari, inerenti l’Internet of Things (IoT), l’intelligenza artificiale (IA), le blockchain e lo sviluppo di nuove tecnologie e applicazioni, sono:

Requisiti di ammissibilità

Per poter ottenere le agevolazioni, i progetti devono:

Spese e costi ammissibili

Nei limiti stabili dall’art. 25 dei Regolamento GBER, per le “attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale”, ai fini delle agevolazioni sono ammissibili le seguenti spese:

Per le “attività inerenti innovazione dei processi e innovazione dell’organizzazione”, per l’ottenimento delle agevolazioni sono ammissibili:

Ministero Sviluppo Economico

Agevolazioni concedibili

Secondo gli art. 25 e 29 del Regolamento GBER, le agevolazioni concedibili sono suddivise per attività e rientrano nei seguenti limiti massimi di aiuto.

Attività di ricerca industriale

Attività di sviluppo sperimentale

Attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale

Fermo restando il limite massimo dell’aiuto, pari all’80% dei costi ammissibili, è riconosciuta a ogni partecipante una maggiorazione del 15% in presenza di progetti che prevedono:

Progetti relativi all’innovazione dei processi e all’innovazione dell’organizzazione

Gli aiuti alle grandi imprese sono compatibili purché queste collaborino, effettivamente, con le PMI nell’ambito dell’attività sovvenzionata dal fondo e sostengano almeno il 30% dei costi ammissibili.

Termini e modalità di presentazione delle domande

La domanda per richiedere le agevolazioni dev’essere redatta secondo le modalità riportate nel decreto direttoriale, pena l’invalidità e l’irricevibilità della stessa; va inoltre presentata esclusivamente online tramite il sito di Infratel Italia (https://www.infratelitalia.it/), dalle ore 10:00 alle ore 18:00 dei giorni lavorativi (dal lunedì al venerdì).

La piattaforma dedicata all’iniziativa sarà disponibile a partire dal 21 settembre 2022, tuttavia i documenti si potranno precaricare già il 14 settembre.

Essendoci una “procedura a sportello”, il MISE comunicherà l’eventuale esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.

Si ricorda, infine, che le domande accedono alla fase istruttoria, ovvero vengono accettate, anche in base all’ordine cronologico di presentazione, pertanto è importante inviare la domanda il prima possibile.

Per maggiori informazioni o per ricevere aiuto con la documentazione e la redazione del progetto, compila il modulo di contatto qui in basso. Ti seguiremo passo dopo passo per tutto l’iter procedurale. Qualora non dovessi essere idoneo per il Fondo per lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni d’intelligenza artificiale, blockchain e Internet of Things, ti aiuteremo a trovare altre opportunità di finanza agevolata per la tua azienda o startup.

Vuoi una mano? Chiedi pure a JO Consulting compilando il Contact Form