Il punto ad oggi su finanziamenti a fondo perduto 2019

I finanziamenti a fondo perduto rappresentano una grande opportunità per chi ha bisogno di denaro per avviare una nuova attività o per rinnovare attività già avviate. Naturalmente i requisiti per accedere alla finanza agevolata cambiano a seconda della natura del progetto, del tipo di finanziamento e dell’anno in corso. Vediamo più nel dettaglio alcuni dei più significativi bandi aperti al momento.

Quali sono i finanziamenti a fondo perduto per il 2019?

Il 2019 sembra essere l’anno fortunato per i giovani imprenditori e le donne che vogliono avviare una start-up.

Bando Resto al Sud 2019

Per gli under 46 segnaliamo l’ormai ben avviato e conosciuto bando Resto al Sud che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno. La novità di quest’anno sta nel fatto che a differenza degli altri anni il bando ha esteso il target di riferimento fino ai 45 anni di età e copre il 100% delle spese ammissibili, tra cui quelle per la ristrutturazione di beni immobili, per l’acquisto di macchinari, attrezzature, programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all’avvio dell’attività. I settori ammissibili sono tutti ad eccezione del commercio e del settore agricolo.

Bando Smart e Start

Nella categoria dei finanziamenti per start up a fondo perduto non possiamo non citare la misura Smart e Start che sostiene le startup innovative ad alto contenuto tecnologico. L’agevolazione consiste in un mutuo senza interessi per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all’avvio del progetto proposto. Per le startup con sede in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia sono previsti anche agevolazioni pari al 20% del mutuo.

Bando Nuove imprese a tasso zero

Altra interessante opportunità per giovani e donne che vogliono diventare imprenditori è il bando Nuove imprese a tasso zero gestito da Invitalia. Questa misura prevede il finanziamento a tasso zero di progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro e può coprire fino al 75% delle spese totali ammissibili. Tantissimi i settori previsti, tra cui: turismo, servizi alle persone e alle imprese, commercio e trasformazione di prodotti agricoli.

Bando asili nido

Se state pianificando di avviare un’impresa e investire in terra sicula suggeriamo di soffermarvi su questo paragrafo rivolto specificatamente ai bandi regione Sicilia.

In particolare, degno di nota è il bando asili nido rivolto alle organizzazioni del terzo settore che vogliono investire nei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Prevede contributi a fondo perduto pari al 90% per le spese di ristrutturazione, arredi e attrezzature.

E per quanto riguarda l’industria culturale nel 2019?

Promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, il bando Cultura Crea sovvenziona le iniziative imprenditoriali e no profit nel settore dell’industria culturale, creativa e turistica che mirano a valorizzare le risorse culturali delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Questa misura prevede un finanziamento agevolato a tasso zero e un contributo sulle spese ammesse, con una premialità aggiuntiva per giovani, donne e imprese con rating di legalità.

E per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro?

Vi annunciamo che l’11 aprile si aprirà lo sportello per presentare le domande per il bando ISI INAIL. Come ogni anno grazie a questo bando le imprese potranno investire per migliorare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Si tratta di un finanziamento che copre fino al 65% delle spese, per un importo massimo di 130.000 euro.

Adesso che avete le prime informazioni sui bandi attivi nel 2019 non vi resta che approfondire la conoscenza delle tante opportunità e, per ulteriori informazioni, chiamarci al numero 095 7463250. Il nostro team, che ha un’esperienza ultra ventennale in consulenza finanza agevolata, potrà supportarti in ogni regione italiana dalla presentazione della domanda fino alla fase di rendicontazione in una logica win win.

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp